8 cose che (forse) non sapevi sullo Scoppio del Carro

Condividi Firenze!

  1. Tutto ebbe inizio nel 1099, anno della prima crociata comandata da Goffredo di Buglione, quando l’esercito cristiano assediò e conquistò Gerusalemme. Pare che il primo crociato a scalare le mura della città santa e a porvi il vessillo cristiano fu Pazzino de’ Pazzi, capostipite della celebre famiglia fiorentina dei Pazzi. In premio ricevette da Goffredo di Buglione tre pietre del Santo Sepolcro, che furono portate a Firenze e utilizzate per accendere il fuoco santo pasquale.
  2. Quella del fuoco santo è una tradizione molto antica che prevedeva l’accensione di torce votive, e che nel medioevo si è ampliata fino a diventare la cerimonia dello scoppio del carro, con il fuoco santo trasformato in fuochi d’artificio portati in processione su un carro, il Brindellone. Questa tradizione era inizialmente a carico della famiglia Pazzi, poi viste le sciagurate sorti della famiglia l’incarico fu ceduto all’Arte di Calimala e poi all’Opera del Duomo.scoppio del carro firenze
  3. Le tre pietre di Pazzino de’ Pazzi sono ancora oggi a Firenze, attualmente sono conservate nella chiesa dei Santi Apostoli (nella piccola e affascinante piazzetta del Limbo), e vengono tuttora usate dal vescovo per accendere la miccia della colombina.
  4. Il carro che si utilizza oggi è quello costruito intorno al 1600 da Bernardo Buontalenti, anche se naturalmente è stato ampiamente restaurato, due anni fa prese persino fuoco!
  5. Bernardo Buontalenti a soli 24 anni era già una celebrità a Firenze ed era soprannominato Bernardo delle Girandole, per via delle elaborate girandole di fuochi d’artificio che aveva allestito sul Brindellone e che avevano riscosso grande successo tra il popolo.
  6. Prima della cerimonia dello scoppio del carro in Battistero avviene ilsorteggio delle squadre del Calcio Storico che si sfideranno nelle semifinali del torneo di San Giovanni Battista, estraendo quattro uova di pietra colorate da un sacchetto.
  7. La colombina deve percorrere la navata centrale del Duomo, accendere il Brindellone posto nello spazio tra Santa Maria del Fiore ed il Battistero, e tornare indietro. Se qualcosa va storto e la colombina non compie il suo dovere significa che sarà un anno sfortunato.
  8. L’ultima volta che la colombina ha fallito la sua missione è stata durante la Pasqua del 1966, anno della terribile alluvione di Firenze.

Come ogni anno anche questa Pasqua verrà celebrata a Firenze con la cerimonia dello scoppio del carro: l’appuntamento è in piazza San Giovanni alle 11!


Condividi Firenze!

Può interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *