Tour fotografico di Firenze a caccia di particolari

Condividi Firenze!

 

firenze guida turisticaUna passeggiata per il centro storico di Firenze accompagnati da una guida turistica alla scoperta di dettagli e particolari tutti da fotografare. Quello che ti propongo è un tour fotografico di Firenze: alcuni angoli della città visti attraverso l’obiettivo della macchina fotografica, alla ricerca degli angoli più caratteristici e dei dettagli meno noti da fotografare. Spesso questi dettagli sono legati a delle curiosità e a degli eventi, e sono il pretesto per raccontarti la storia della mia città e degli abitanti più celebri di Firenze.

Le foto di questo post ritraggono dettagli di angoli più o meno famosi della città, e sono state scattate da Linda Klobas, che mi ha chiesto di accompagnarla come guida turistica in questa particolare visita guidata di Firenze.

tour fotografico di firenze

Il monastero di Sant’Orsola ha ospitato le monache dal 1300 fino all’800, poi fu trasformato in manifattura di tabacchi, alla fine fu abbandonato e da allora è rimasto in ostaggio della burocrazia italiana. Nel 2013 l’artista ceco Vaclav Pisvejc ha trasformato Sant’Orsola in un’opera d’arte contemporanea, ricoprendola di migliaia di banconote fac-simile di dollari. In attesa che venga l’ex-monastero venga finalmente riqualificato e restituito alla città.

firenze sprone guida turistica

tour fotografico di Firenze

La Fontana dello Sprone si trova in uno dei quartieri più affascinanti di Firenze, l’Oltrarno, e fu realizzata da Bernardo Buontalenti (quello che inventò il gelato!) nel 1608, in occasione del matrimonio di Cosimo II. Simbolo dell’estro fantasioso del Buontalenti, la fontana è formata da un mascherone dalle sembianze grottesche, con barba, baffi e folte sopracciglia, che versa l’acqua in una elegante conchiglia che si arriccia in volute.

orsanmichele guida turistica firenze

La chiesa di Orsanmichele è la più fiorentina di tutte, ed i suoi delicati archi gotici traforati raccontano la storia delle Arti e Corporazioni fiorentine, dal 1300 attraverso tutto il rinascimento. Orsanmichele è famosa per le statue dei santi protettori delle Arti che ornano le nicchie esterne, sopra alle quali sono posti dei tondi con gli stemmi delle rispettive arti. Alcuni dei tondi sono splendidi esempi di terracotta policroma invetriata dei Della Robbia. Quello in foto è lo stemma realizzato da Luca della Robbia per l’Arte dei Maestri d’Ascia e di Legname, la potente corporazione che soprintendeva i più importanti cantieri fiorentini, come quello della cupola del Brunelleschi.

Può interessarti anche:


Condividi Firenze!

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *